Smaltimento Rifiuti Sanitari

I rifiuti sanitari sono disciplinati dal decreto del Presidente della Repubblica del 15 luglio 2003, n. 254 (“Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell’art. 24 della legge 31 luglio 2002, n. 79”).

In particolare, alcuni di questi rifiuti, sono caratterizzati dai requisiti della “pericolosità” e della “infettività”

Il trasporto di tali rifiuti deve avvenire per mezzo di appositi contenitori (imballaggi anche flessibili a perdere, recanti la scritta “rifiuti sanitari a rischio infettivo” oltre al simbolo del rischio biologico, ovvero se trattasi di rifiuti anche taglienti o pungenti la scritta dovrà riportare le parole “rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti” e gli imballaggi dovranno essere rigorosamente rigidi) ed inoltre la lettera c) del medesimo articolo precisa che “l’intera fase del trasporto deve essere effettuata nel più breve tempo tecnicamente possibile”.

Da segnalare infine che è una fase di rilievo per la “corretta” gestione del rifiuto sanitario proprio il momento della “chiusura del contenitore” prima di eventuale trasporto, che corrisponde alla vera e propria formazione del rifiuto e quindi inizio della gestione.

Si tratta di una prescrizione molto importante in quanto a partire da questo momento, trovano applicazione le disposizioni in materia di deposito temporaneo, iniziando a decorrere il tempo di durata massimo dello stesso.

Ai titolari di imprese ed ai responsabili di enti che effettuano attività di gestione dei propri rifiuti senza le prescritte autorizzazioni, iscrizioni o comunicazioni, trattandosi di rifiuti pericolosi, sono puniti con la con la pena dell’arresto da sei mesi a due anni e con l’ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro (art 265 codice dell’ambiente.

I rifiuti sanitari, sono rifiuti speciali pericolosi che se smaltiti in modo scorretto inquinano l’ ambiente e sono molto dannosi per l’uomo; non sono prodotti soltanto da medici, dentisti o veterinari, ma anche da estetisti, parrucchieri, barbieri, fisioterapisti e quasi tutte le  attività mediche

Questa nostra offerta è riferita ai produttori che intendono smaltire correttamente i rifiuti sanitari prodotti nelle loro strutture ad un prezzo onesto e chiaro.
Scarica l’offerta temporanea affettati e insieme la adatteremo alle tue esigenze!

Smaltimento Macerie Edili

Le macerie edili sono composte da tutti gli scarti provenienti dalle lavorazioni murarie (calcinacci, ferro,scarti murali.cavi elettrici e tutti gli altri ); va specificato quindi che per smaltire correttamente bisogna catalogare e avviare i diversi rifiuti (se ci sono) a recupero o smaltimento in impianti autorizzati.
La normativa impone che tutti i passaggi siano certificati e tracciabili.
I mezzi che si occupano del trasporto in discarica devono essere AUTORIZZATI il trasportatore redige un formulario “FIR” che la discarica con il peso verficato a destino, data e ora chiude con un timbro.
Solo con questi passaggi  eviterai di commettere un reato.
Smaltisci consapevolmente!

Smaltimento Fanghi da Depurazione

Lo smatimento o il recupero dei fanghi da depurazione (primari, secondari, biologici, chimici ecc) è spesso un problema perchè l’iter e la normativa sono molto complessi.
Affidati ad una società competente come la CASSINO RECUPERI che ti segue ad ogni passo: analisi del rifiuto/ compilazione del formulario/ trasporto e smaltimento presso l’impianto e infine la registrazione del movimento sul registro c/scarico rifiuti.
Scegli chi per te trova soluzioni e non sanzioni!

Smaltimento Vernici e Pitture

Pitture e vernici sono rifiuti speciali e pericolosi perchè se non smltiti correttamente inquinano il nostro ambiente.
Noi siamo un’ azienda specializzata nella raccolta e nello smaltimento di questi rifiuti.
In nessun caso pitture ad acqua, vernici, solventi, antiruggini o fissanti vanno dispersi nell’ambiente o miscelati con altri materiali.
Richiedi un preventivo gratuito per smaltire i tuoi trifiuti senza renderti complice di inquinamento!